Vuoi reagire a questo messaggio? Crea un account in pochi click o accedi per continuare.


Cristiani Evangelici Pentecostali
 
IndicehomePubblicazioniCercaUltime immaginiRegistratiAccedi

 

 Il costo

Andare in basso 
AutoreMessaggio
girolamo
Admin
girolamo


Messaggi : 2134
Punti : 6379

Il costo Empty
140914
MessaggioIl costo

Il costo

(Luca 14: 25-30)

Impegnarsi con leggerezza al seguito del Signore, e al suo servizio, porta all'insuccesso. Nella parabola della torre, Gesù mostra che prima di costruire bisogna sedersi e calcolare la spesa. Non certo per scoraggiarsi e rinunciare a seguirlo o a servìrlo, ma per esaminare in anticipo le rinunce (v. 26 e 33) e le difficoltà (v. 27) che il cammino o il servizio implicherà. Quando si è "pienamente accertati... in tutta la volontà di Dio" (Colossesi 4: 12), si può cominciare, sempre confidandosi in lui; e le difficoltà, le delusioni, le pene, le lacrime inevitabili saranno ricevuti dalla sua mano come altrettanti mezzi di prova e di educazione. Ma se si è partiti alla leggera, ci si scoraggerà, o ci si irrigidirà in un'attitudine di formalismo, contraria a ogni frutto.

Nella piccola parabola dell'aratro (Luca 9: 62), il Signore mostra anche l'importanza di non guardare indietro dopo essersi impegnati nel proprio servizio. Guardare indietro significa lasciare che considerazioni secondarie prendano il primo posto (v. 59, 61), ritornare col cuore a ciò che si era abbandonato.

Rinunciare a costruire la torre dopo averne gettato le fondamenta o riguardare indietro dopo aver messo mano all'aratro, scredita la testimonianza cristiana e scoraggia altri. Uno che abbia voluto partire per l'opera del Signore, lontano o vicino, senza essere preparato, nè inviato, in capo a qualche anno se ne renderà conto, e allora farà certamente meglio a rientrare a casa, anziché a restare sul posto come un ostacolo; ma anche così facendo rimarrà pur sempre vero che il suo fallimento non sarà stato alla gloria del Signore. Partire senza essere mandato (Rom. 10: 5) e parlare senza essersi tenuti "nel consiglio segreto" del Signore è causa di un servizio senza potenza e senza frutto.

Quanto è importante dunque esaminare le cose accuratamente ai Suoi piedi, e innanzitutto servire umilmente, semplicemente, nell'ambiente nel quale siamo posti, nelle piccole cose che Egli ci ha affidato; delle più grandi potranno in seguito essere messe nelle nostre mani, se questa è la Sua volontà.

Commosso da compassione davanti alle folle disperse e senza pastore, Gesù dice ai suoi discepoli: "Pregate dunque il Signor della mèsse che spinga degli operai nella sua mèsse. (Matteo 9: 38). Mandarli solamente a volte non basta; vi è tanta resistenza da vincere da parte loro! Bisogna che il Signore li spinga, perché grande è il suo desiderio di vedere numerosi operai nella sua mèsse. Da una parte c'è da valutare il prezzo, la necessità di rimettere a lui i nostri affetti, la nostra condotta, i nostri beni; e dall'altra c'è l'appello del Signore e l'amore del suo cuore per noi, che ci ha spinti ad amarlo, e che ci spinge ad amare i suoi, ad amare le anime perdute. "L'amore per il Signore è il movente di ogni servizio; non ne conosco altri", ha detto un fedele servitore (Da Pensieri di J.N.D.).
Torna in alto Andare in basso
Condividi questo articolo su: reddit

Il costo :: Commenti

Nessun commento.
 

Il costo

Torna in alto 

Pagina 1 di 1

 Argomenti simili

-
»  Il costo del sacrificio

Permessi in questa sezione del forum:Non puoi rispondere agli argomenti in questo forum.
 :: Betesda :: Le parabole del Signore ( Georges André )-
Vai verso:  
Parole chiave
lode mondo MIRACOLO proprio gloria amor PODEROSO montisci movimento immagini GESù eterno FATTO anno nome innalzo