Vuoi reagire a questo messaggio? Crea un account in pochi click o accedi per continuare.


Cristiani Evangelici Pentecostali
 
IndicehomePubblicazioniCercaUltime immaginiRegistratiAccedi

 

 La ricompensa

Andare in basso 
AutoreMessaggio
girolamo
Admin
girolamo


Messaggi : 2134
Punti : 6379

La ricompensa Empty
140914
MessaggioLa ricompensa

La ricompensa

Mosè "riguardava alla rimunerazione" (Ebrei 11: 26). "... Il contraccambio ti sarà reso alla risurrezione dei giusti", dice il Signore in Luca 14: 14. Tuttavia la ricompensa non è una cosa dovuta, ma un incoraggiamento offerto al servitore, e che la fede apprezza.

I lavoratori nella vigna (Matteo 20: 1-16)

La ricompensa non è proporzionata all'importanza apparente del servizio; essa è data secondo la valutazione del padrone (v. 15). In effetti, ogni servizio è una grazia, un privilegio che ci è accordato e non conferisce un diritto. "Perciò, avendo questo ministerio in virtù della misericordia che ci è stata fatta, noi non veniam meno nell'animo" (2 Corinzi 4: 1), dice l'apostolo, consapevole della grazia che ha fatto di lui un ministro dell'Evangelo.

Il servo che torna dai campi (Luca 17: 7-10)

Per tutta la giornata il servo ha lavorato il campo, come l'evangelista che va a spargere il seme della Parola di Dio, o è stato occupato a pascere il gregge, simile al pastore che si prende cura delle pecore del Signore. Cosa accadrà alla fine del suo lavoro? Il padrone gli dirà: "Vieni presto a metterti a tavola? Non gli dirà invece: Preparami la cena, e cingiti a servirmi finch'io abbia mangiato e bevuto, e poi mangerai e berrai tu?". Questo è il normale ragionamento di un padrone terreno. Qual è l'attitudine che si addice a un servo? "Così anche voi, quand'avrete fatto tutto ciò che v'è comandato, dite: Noi siamo servi inutili". Niente di più naturale che compiere fedelmente il servizio affidato, nessuna gloria da trarne, nessun merito ne deriva. Non è certo al fine di essere salvati che noi dobbiamo servire il Signore, ma "perché noi siamo fattura di lui, essendo stati creati in Cristo Gesù per le buone opere, le quali Iddio ha innanzi preparate affinché le pratichiamo" (Efesini 2: 10).

Ma il pensiero del Signore differisce totalmente da quello di un padrone terrestre. Noi dobbiamo considerarci come dei servitori che non hanno fatto che ciò che era comandato (effettivamente, l'abbiamo fatto?); ma quando al suo ritorno il Signore troverà vigilanti i suoi servi, egli stesso "si cingerà, li farà mettere a tavola e passerà a servirli"! (Luca 12. 37). Sulla terra, essi l'hanno conosciuto in mezzo a loro come Colui che serve; così lo ritroveranno nella gloria: amore eterno di Colui il cui orecchio è stato forato (Esodo 21) affinché fosse servitore per sempre! Allora si adempierà la parola che costituisce la più grande ricompensa: "Entra nella gioia del tuo Signore", essendo il cuore conservato da Dio in una reale umiltà: "Fedele in cosa minima".

Torna in alto Andare in basso
Condividi questo articolo su: reddit

La ricompensa :: Commenti

Nessun commento.
 

La ricompensa

Torna in alto 

Pagina 1 di 1

 Argomenti simili

-
» Guardando la Ricompensa

Permessi in questa sezione del forum:Non puoi rispondere agli argomenti in questo forum.
 :: Betesda :: Le parabole del Signore ( Georges André )-
Vai verso:  
Parole chiave
GESù MIRACOLO mondo gloria nome PODEROSO proprio amor innalzo anno lode movimento FATTO eterno immagini montisci